A visit at Italy Farm Stay

Segue in Italiano.

I came back from Thailand at the end of February 2020. Unaware of what was happening in the world, the Italian government announced the first lock down. I enjoyed the 3 months at home to be honest. After 4 years of constant travelling within the SEA region working, cooking, playing music and visiting friends; I was finally able to rest. Not complaining about travelling for sure, but in the long run can be tiring.

It was also time to reconnect with my family since I’ve been living abroad for 15 years. During the 3 months I kept myself busy with meditation, cooking and doing some fun live stream cooking session (Click here to see them).

However, after 90 days of sleeping the same bed I was missing moving from one place to another, meeting new faces, having conversations with people from different cultures and talking a different language rather than Italian. One day surfing on the Internet I came across a saved FB post of the visionary Antonello. He was inviting people to visit his village. A place where a growing international community is buying abandoned houses and turning them homes, stays and more.

After a quick call and only after the moving restriction were lifted, in May 2020 I decided to pay him a visit to check what was going on. The village is called Pescosolido is a two hour drive from both Rome and Naples. Very easy to reach with public transports also. I joined, as a volunteer. Waiting for me was Axel the guy beyond La Bella Vita Tattoo and few others. Our mornings were dedicated to the farm. A much needed activity after three months being at home. Here I met the fun, wise and from time-to-time a poet Giuseppe, Antonello’s father. Under his guide we were taking care of the farm and the food preparation. Following Giuseppe I’ve leaned a bit more about wild herbs and vegetables always present on our dining table. Giuseppe was telling me, with a bit of nostalgia, that usually in May they would start to receive bookings, the farm and the refurbished houses of the little village, would have been filled with people coming from all over the world.

The days passed by and while waiting to have a tour and a chat with Antonello, I started to meet the few other members of the community. Even if the pandemic was stopping some of them to reach the place that soon they would call home. One morning Viola came to the farm, an Italian yoga teacher arriving straight from India just after her training and years of work there. A girl of pure energy who fell in love with the area and decided to become a permanent resident of Pescosolido. She is now teaching on-line and off-line yoga sessions under the name Better Living with Viola. We had few chats and ate few morning brioches at the neighbouring village called Sora reachable by foot or more comfortably by car. Unfortunately most of the restaurants were still closed so we couldn’t have a taste of the local cuisine. Such a shame since the area is very green and has many family run businesses that produce wonderful products.

After a few days of enjoying my time at the farm, I met Antonello for breakfast, who was picking fruit from the trees and eating them. We arranged a tour for the afternoon. While having a tour of the village and the ready to sell properties, he described to me his vision to turn the abandoned village into a yoga destination. In order to do so he is facilitating people who want to buy and renovate the available houses and lands. A plan  that is already taking place for a few years. Guests visiting  for a short time from all over to enjoy the relaxed atmosphere, the natural landscape and yoga teaching, like Viola, became permanent residents of the village. As in the case of Katia and Paul, a work/life couple that have been teaching yoga all over the planet and now have a house in Forcella near Pescosolido. They run yoga retreat during the summer in a facility up in the mountains. Or the case of Anna, the real pioneer of the area. A cheerful, calm but strong Austrian girl that 10 years ago went for a work holiday at the farm and fell in love with it. Since then she became the owner of her own place and turned it into a stay called Italy Country Stay Via Piana where she offers rooms and related activities. A place immersed in nature where I could hear the birds singing while enjoying a drink on the terrace. I remember tirelessly looking at the greenery around me amused by the view and the calm. At the time she was busy working to be ready for the season to come. I’m sure now her rooms are beautiful and comfortable as they felt last year during my visit.

Before turning the area into a yoga hub Antonello started his venture as a rural stay called Italy Farm Stay. He turned his family home in a place where you could stay for as much as you want learning about organic farming, eating good food and enjoying the various activities offered. And you can still do it! It was and still is a challenge to bring travellers in unknown areas. As Giuseppe was telling me: “when he told me about his plan I replied that he was crazy” but fortunately he didn’t listen to his father and now the plan is a reality.   

Antonello is not the only one to bet on the area. Not far from the farm and a few steps from Anna’s Via Piana stay there is D.S. Bio. A biodynamic winery run by Danilo, a brilliant guy that, driven by passion, left his business consulting job in France to come back to his family lands to start a winery. Wine production needs some time to become profitable. Being biodynamic increases the risks of delay and missed production. But work driven by passion always pays back. As a result his very first batch of wine was awarded as the best of Italy. Said in his own word: “After the blind tasting the judges released the verdict. When I heard my wine and company name, more than my surprise was the one of my competitors. Companies that have been in the business for years and are huge in terms of land occupation. I was winning with my very first batch produced from an hectare of land”. This gave him the confidence that his life choice and the result of it was the way to go. Something much needed in areas where entrepreneurship is lacking and the pressure from family, institutions and people surrounding you can be heavy.

Since we’ve met, I’ve spent a few afternoons with Danilo. It’s always a pleasure to have a chat with him while sipping his great wines, talking about projects and visions. From his social media posts those visions are becoming reality. As per his project to join force with other local artisanal natural wine producers and help each other following a common direction. A project that goes under the name of Ciociaria Naturale.

With the aim to show me the potential of the area Antonello suggested I visit a local cheese maker, an offer that I couldn’t refuse despite the early hours meeting. Having a car I asked the other volunteers to join. The morning after at 5:30 Am I met the Marcoccio family. The restless clan runs an olive oil facility, raises goats and sheep for milk and meat, produces cheese, wine and vegetables. You would think of a huge family with members all over the mountains taking care of everything, not really the total number is 4 plus few seasonal workers. When I asked the Mother when was the last time she got a holiday or a day off: “I don’t remember ever having a holiday” she proudly replied.

That morning I went to their lab to witness their daily cheese production. It was magical to see how daily duties are done with so much passion and focus by Rosalba, the newest generation that comes every morning to make cheese and ricotta.

Rosalba was late that morning, her mum already turned the heat on to warm up the milk brought from the father earlier that morning. A daily cycle that is repeating for generations. Every morning her father goes to milk the animals at 2 am in order to be ready at 5 for her to take over and start to make what she has been doing since she was born. She silently and patiently showed us how she produces the cheese that they sell in their shop on the ground floor. The shop is always open but often without a shop assistant. The family members are always busy so you will have to ring a bell and someone will come to assist you.

Rosalba’s precise motions where showing almost an innate ability of manipulating the milk until reaching the desired result. She also is a mother and a wife living in a village not far from her family home. She was telling me that they chose to stay a bit away from the business to be less involved. A plan that didn’t work out due to the needs of capable hands, but mainly for her growing interest in the cheese making process. When I asked Rosalba the same question about holidays and days off she didn’t reply, she just looked at me and smiled. Small producers are heavily relying on local markets and walk in customers for their business. The pandemic was hitting  them heavily at the time. Not able to set up a delivery system due to their very busy schedule they had loads of cheese and unstoppable production. Not bad as it sounds though. Due to the high demand of their cheese usually it would run out quickly and Rosalba wouldn’t be able to experiment with some ageing process. So the situation at the time allowed for her to have some wheels of cheese to age following different processes that with the time will add value and taste to their already great dairy products.

After we witnessed the cheese taking shape and the ricotta coming to life. She gave us a plate of warm ricotta to taste. The texture and taste still thrills my taste buds. I can describe it as smooth, sweet and melting in your mouth. The rest stays with that moment and that time. It’s not easy at all to find products like this in the world, but you can make a much better Ricotta at home rather than buying it in supermarkets. I did it many times and the result was fairly good. Here is a video showing you how to make it in 20 min.  Before leaving I couldn’t resist buying some and adding it to the lunch of the day.

A week passed, meeting and talking to other members of the community. We talked about projects and ways of developing the area. Plans that our historical time didn’t help to take place. I am still very interested in them but my gut is suggesting I hold on and not push too much waiting for the right moment to act again.
While I was making plans to return to Naples I met Maria, she was the reason why I stayed a few more days. This will be a story for another time….

Una visita all’ Italy Farm Stay

Sono tornato in Italia dalla Thailandia a fine Febbraio 2020. Ignaro di ciò che stava accadendo nel mondo, dopo pochi giorni il governo Italiano annucio’ il primo lockdown. Ad essere sincero, ho apprezzato I primi 3 mesi a casa. Dopo 4 anni a viaggiare senza sosta per il Sud Est Asiatico lavorando, cucinando, suonando e visitando amici; Finalmente un po’ di riposo. Non che mi stia lamentando dei viaggi ovviamente, ma a lungo andare può essere stancante.

E’ stato anche un periodo per ristabilire i contatti con la mia famiglia dato che ho vissuto all’estero per 15 anni. Durante i 3 mesi di lock down mi sono tenuto impegnato con la meditazione, la cucina e qualche sessione di cucina in live streaming (Clicca qui per vederli).

Tuttavia, dopo 90 giorni, mi iniziavano a mancare gli spostamenti da un luogo all’altro, incontrare volti nuovi, conversare con persone di  cultura diversa parlando una lingua diversa dall’italiano. Un giorno navigando su Internet trovai un post di Facebook salvato del visionario Antonello. Invitava le persone a visitare il suo villaggio non lontano da Napoli. Un luogo in cui una comunità internazionale crescente sta acquistando case abbandonate per trasformarle in abitazioni e strutture di accoglienza.

Dopo una rapida telefonata e solo dopo la revoca delle restrizioni di movimento tra regioni, nel maggio 2020 decisi di fargli visita per verificare cosa stesse succedendo. Il villaggio si chiama Pescosolido ed è situato a due ore di macchina sia da Roma che da Napoli, facilissimo da raggiungere anche con i mezzi pubblici. Mi unii al team di volontari e quando arrivai ad aspettarmi c’erano altri, tra cui Axel un tatuatore Argentino sotto il nome di La Bella Vita Tattoo. Le nostre mattine erano dedicate ai lavori in campagna. Un’attività perfetta dopo tre mesi a casa. Qui ho conosciuto il simpatico, saggio e di tanto in tanto poeta Giuseppe, il padre di Antonello. Sotto la sua guida ci siamo occupati della fattoria e della preparazione dei pasti. Seguendo Giuseppe ho imparato qualcosa in più sulle erbe spontanee sempre presenti sulla nostra tavola. Giuseppe mi diceva, con un po’ di nostalgia, che di solito a maggio cominciavano a ricevere prenotazioni, l’agriturismo e le case ristrutturate del paesino,  da lì a poco si sarebbero riempite di viaggiatori proveniente da tutto il mondo.

I giorni passavano, in attesa di una chiacchierata con Antonello, iniziai ad incontrare gli altri membri della comunità. Anche se la pandemia aveva bloccato alcuni di loro, impedendoli di raggiungere il luogo che presto avrebbero chiamato casa. Una mattina Viola venne alla fattoria. Viola e’ un’insegnante di yoga Italiana che stava arrivando dall’India dopo la sua formazione e anni di lavoro. Una ragazza di pura energia che si è innamorata del territorio e ha deciso di diventare una residente di Pescosolido. Ora insegna sessioni di yoga online e in presenza sotto il nome di Better Living with Viola. Con Viola ho avuto tante conversazioni come tante so state le brioches, come le chiama lei. Cornetti come li chiamo che abbiamo mangiato nel vicino paese chiamato Sora, raggiungibile a piedi o più comodamente in macchina. Purtroppo la maggior parte dei ristoranti erano ancora chiusi, quindi non abbiamo potuto assaggiare la cucina locale. Un vero peccato perché la zona è molto verde e ha molte aziende a conduzione familiare che producono prodotti meravigliosi.

Dopo qualche giorno trascorso in fattoria, ho incontrato a colazione Antonello, una colazione molto semplice che consisteva nel salire sugli alberi e mangiare i loro frutti. Tra un gelso e una ciliegia raccolta e mangiata ci siamo dati appuntamento per il pomeriggio. Mentre giravamo per il villaggio abbandonato e proprietà’ pronte per essere acquistate, Antonello mi spiego il suo piano di trasformare quel villaggio abbandonato in una destinazione per lo yoga. Per fare ciò stava assistendo potenziali compratori nella fase burocratica e la ristrutturazione delle case e i terreni disponibili. Un piano già in atto da qualche anno. Ospiti da tutto il mondo alloggiano nell’area per brevi periodi godendosi l’atmosfera rilassata, il paesaggio naturale e gli insegnamenti dello yoga. Viola non e’ un caso isolato di persone che si sono trasferite nell’area. Ci sono anche  Katia e Paul, una coppia nel lavoro e nella vita che ha insegnato yoga in tutto il pianeta per poi decidere di comprare casa a Forcella una frazione di Pescosolido. Insieme organizzano ritiri di yoga estivi, in una struttura in montagna poco lontana dal centro . Ancora il caso di Anna, la vera pioniera della zona. Una ragazza Austriaca allegra, calma ma determinata che 10 anni fa’ andò per una vacanza lavoro in fattoria e se ne è innamoro’. Negli anni  ha acquistato la sua di proprietà per farla diventare una struttura di accoglienza chiamata Italy Country Stay Via Piana dove si possono affittare camere o usufruire dei servizi connessi. Un luogo immerso nella natura dove mentre sorseggi un aperitivo in terrazza senti solo il cinguettio degli uccelli. Ricordo di essermi ipnotizzato a guardare il verde intorno a me in uno stato di calma assoluto. Quando ci siamo incontrati Anna era impegnata con i lavori di manutenzione in modo da essere pronta per l’alta stagione. Sono sicuro che ora le sue stanze sono belle, confortevoli e pronte per l’accoglienza. 

Prima di trasformare la zona in una destinazione yoga, Antonello ha iniziato la sua avventura con l’accoglienza rurale chiamata Italy Farm Stay. Trasformando la sua casa di famiglia in un luogo dove si può soggiornare quanto si vuole imparando l’agricoltura biologica, mangiando il buon cibo preparato dai volontari e godendosi le varie attività offerte. Era ed è tuttora una sfida portare i viaggiatori in zone meno sconosciute d’Italia. Come mi diceva Giuseppe: “Quando mi ha parlato del suo piano gli ho risposto che era pazzo” ma fortunatamente Antonello non si e fatto scoraggiare ed ora il suo piano è una realtà.

Antonello non è l’unico a scommettere sull’area. Poco distante dall’agriturismo e a pochi passi dalla struttura di Anna, Via Piana, si trova D.S. Bio. Una cantina biodinamica gestita da Danilo, un ragazzo brillante che spinto dalla passione, ha lasciato il suo lavoro di consulenza aziendale in Francia per tornare nelle terre di famiglia, avviando così un’azienda vinicola naturale. La produzione del vino ha bisogno di tempo per diventare redditizia. Essere biodinamici aumenta i rischi di ritardi e mancate produzioni. Ma il lavoro guidato dalla passione da sempre i sui frutti. La sua primissima produzione di vino fu’ premiata come migliore d’Italia. Detto con parole sue: “Dopo la degustazione alla cieca, i giudici rilasciarono il verdetto. Io ero lì per vedere i vincitori e capire il perché avessero vinto. Ma poi ho sentito il nome del mio vino e della mia azienda, la mia sorpresa e’ stata maggiore di quella dei miei competitori. Io con la mia prima produzione fatta su un ettaro di terra, stavo vincendo contro aziende che sono nel settore da anni e sono enormi in termini di estensione”. Il premio ha sicuramente rafforzato una passione già esistente, dimostrandogli che la strada che stava percorrendo era la strada giusta. Una segnale necessario in aree in cui può mancare uno spirito imprenditoriale contemporaneo. Dove la pressioni familiari, istituzionali e delle persone che ti circondano in generale possono risultare pesanti e scoraggianti.

Da quando ci siamo conosciuti, ho passato più di un pomeriggio con Danilo. È sempre piacevole, educativo fare due chiacchiere con lui sorseggiando i suoi fantastici vini. Abbiamo parlato di progetti e visioni per il territorio. E dando un’occhiata ai suoi post sui social media quelle visioni stanno diventando realtà. Uno dei progetti era di unire i produttori di vino naturale della zona creando sinergie e visioni comuni che possano promuovere i vini naturali prodotti in Ciociaria. Un progetto che prende il nome di Ciociaria Naturale, lo seguo con passione e alla prossima visita chiederò più informazioni. Nel frattempo gli auguro tutto il successo che si merita.

Con l’obiettivo di mostrarmi le potenzialità del territorio Antonello mi suggerì di visitare un casaro locale, un’offerta che non ho potuto rifiutare nonostante l’appuntamento nelle prime ore del mattino. Avendo una macchina suggerii agli altri volontari di unirsi. La mattina seguente alle 5:30 conobbi la famiglia Marcoccio. La famiglia gestisce un frantoio, alleva capre e pecore da latte e carne, produce formaggio, vino,  verdure, olive e altro. Ora probabilmente stai pensando a una grande famiglia con membri sparsi per le montagne, non proprio il numero totale è di 4 membri più pochi lavoratori stagionali. Quando chiesi alla Madre dell’ultima vacanza o di un giorno libero: “Non ricordo di aver mai avuto una vacanza”, mi rispose con orgoglio.

Quella mattina andai al loro laboratorio per assistere alla produzione quotidiana di formaggio e ricotta. Fu’ magico vedere come movimenti che si ripetono ogni giorno sono ancora svolti con tanta passione e attenzione da Rosalba, l’ultima generazione, che viene ogni mattina a trasformare il latte in latticini.

Rosalba era in ritardo quella mattina, la mamma aveva già acceso il il fuoco per scaldare il latte portato dal padre dai monti dove le pecore erano al pascolo. Un ciclo quotidiano che si ripete da generazioni. Ogni mattina suo padre va a mungere gli animali alle 2 del mattino per essere pronto alle 5, la mamma accende il fuoco e Rosalba arriva alle 6 e inizia a fare quello che ha fatto da quando è nata. In silenzio e pazientemente ci ha mostrato le varie fasi della loro produzione di formaggio e ricotta. Prodotti che vendono nel loro negozio al piano terra. Il negozio è sempre aperto ma spesso senza nessuno ad assisterti. I membri della famiglia sono sempre indaffarati quindi dovrai suonare un campanello e qualcuno verrà ad aiutarti.

I movimenti precisi di Rosalba mostravano una capacità quasi innata di manipolare il latte fino a raggiungimento del risultato desiderato. Rosalba e’ anche una madre e moglie che ha scelto di  vivere in un villaggio non lontano dalla sua casa di famiglia. Mi diceva che avevano scelto di stare un po’ lontani dall’attività di famiglia per essere meno coinvolti. Un piano che non ha funzionato per la necessita’ di mani capaci da parte della famiglia, ma soprattutto per il suo crescente interesse nella produzione di formaggi stagionati. Quando feci a Rosalba la stessa domanda sui giorni di ferie non mi rispose, si limitò a guardarmi e ha sorridermi. I piccoli produttori dipendono dai mercati rionali e le persone che raggiungo i loro punti vendita. La pandemia li stava colpendo pesantemente in quel momento. Non in grado di impostare un sistema di consegna a causa di mancanza di tempo materiale, i Marcoccio si trovarono con molto formaggio invenduto frutto di un processo inarrestabile che inizia dai monti e termina nel loro punto vendita. Non tutti i mali vengono per nuocere però. A causa dell’elevata richiesta, i loro prodotti si sarebbe esauriti rapidamente. Lasciando poco a Rosalba e le sue sperimentazioni con i processi di invecchiamento. L’ eccesso di produzione rispetto alla domanda dell’anno scorso, le permetteva di far maturare alcune forme di formaggio seguendo diverse metodologie che con il tempo avrebbero aggiunto valore e gusto ai loro già ottimi prodotti caseari. 

Dopo aver assistito al formaggio che prendeva forma dalle mani di Rosalba e alla ricotta che prendeva vita. Venne il momento dell’assaggio quando Rosalba ci porse un piatto di ricotta ancora tiepida. La consistenza e il gusto entusiasmano ancora le mie papille gustative. Posso solo descriverlo come morbido, dolce e che si scioglie in bocca. Il resto rimane in quel momento e in quel luogo in cui le nostre bocche erano piene e i nostri occhi mostravano la bontà di quella ricotta appena nata. Non è affatto facile trovare prodotti come questi nel mondo intero. Ma puoi fare una ricotta non come quella di Rosalba, ma di una buona qualità, nettamente migliore di quella industriale in 20 minuti cliccando su questo link. L’ho fatta molte volte e il risultato è stato soddisfacente.  Prima di lasciare i Marcoccio non ho resistito a comprarne un po’ di ricotta per aggiungerla al pranzo della giornata.

Una settimana passo’, incontrando e parlando con altri membri della comunità. Abbiamo parlato di progetti e modalità di sviluppo del territorio. Piani che il nostro tempo storico non ha aiutato ad andare in porto. Sono ancora molto interessato alle chiacchierate che ho avuto durante quella settimana, ma il mio istinto mi suggerisce di aspettare, di non spingere troppo attendendo il momento giusto per agire di nuovo.

Una mattina mentre pensavo di ritornare a Napoli conobbi Maria, fu lei il motivo per cui rimasi qualche giorno in più. Ma questa sarà una storia per un’altra volta….

4 Replies to “A visit at Italy Farm Stay”

  1. 3
    Steven Cooper

    We’re a group of volunteers and opening a new
    scheme in our community. Your site provided us with valuable info
    to work on. You have done a
    formidable job and our entire community will be grateful to you.

+ Leave a Comment