A Yoga and nutrition retreat

Guests of the retreat and I

Segue in Italiano.

Seeds are growing where they find the right conditions…

That guy from Naples

Last year after the first lock down I decided to pay a visit to the Italy Farm Stay and the area surrounding it. There I meet wonderful people who are slowly but constantly building a community having yoga and sustainable living as a core values. You will find more about them in this and this post.

Among the people living in the area was Viola, who run classes and activities under the name: Better Living with Viola . She came one day at the farm and since then we spent many hours meeting people, chatting and eating what the area had to offer. We left each other with the promise of collaborating for an event. After a year that day arrived. From the 4th to the 6th of June Viola and I made a retreat where yoga teaching and food met. The first provided by Viola and the second under my responsibility.

The location she choose was the mountain house of Gabriele, a park ranger that with time and sacrifice refurbished his parent’s house. It was our plan since the beginning to start from Gabriele’s house and even if we tried to work with other properties the destiny wanted that we had to start from where we met.

The property is a beautiful wooden mountain house having the first floor with rooms and a top floor with a yoga studio. My realm was the ground floor where the kitchen, dining and outdoors dining area was. I’ve literally spent the all time at the retreat in the kitchen in order to provide fresh cooked food for the guests we had. Hard work but happily done.

Wooden house

Since the first chats we decided that the menu must have been lacto-ovo vegetarian and for me it was clear that all the ingredients had to be super organic and coming from ethical sources. Thinking about what to cook for the 3 days I’ve started to structure my menu according to the activities the guests had during the days. While Viola filling the schedule with holistic activities of diverse nature, I wanted the dining time as a moment of socialization, nutrition and discovery.

In order to achieve so, at the wake up I was giving to the guests hot teas that could help the internal temperature of the body to rise. In order to help the muscles, joints and organs to be ready for the morning Yoga practice. Teas made of ingredients that are known for their benefit in this sense.

After the practice that I really wanted to join, but the reality was that I didn’t even had the time for seating and looking at the sky or take some decent photos for this post. However, the breakfast was designed to bring the Prana up. On the table there was always fresh seasonal fruits, nuts and teas that worked in that direction. Probiotics to help the stomach and the other organs to work better and little carbs, usually in the form of homemade bread using flour from ancient Italian grains. All served outdoor under the shade of a tree that could only be beneficial on many levels.

The lunch instead was a combination of flavors that are familiar but are delivered in unusual ways. In order to bring the guests in the “mix and matching” of flavors, I’ve started with serving untouched veggies and flavors in order to understand how our tongue works and the relation that tastes and flavors have with memories. From there I started to present how flavors can be balanced in order to high light of hide tastes within a dish. The reaction to simple experiments about the interaction of the sense of taste and smells was a bit of a surprise for everyone at the table. From this point they have been able to enjoy the simple dishes I prepared from a different prospective. The fist lunch was a truly exploration of tastes that usually we give for granted.

The second lunch was instead a cooking class where we cooked common dished but eliminating the gluten within it. This is because as Italians we tent to consume too much of it. The menu for the class was: Gnocchi made with homemade chickpeas flour with a cream of fava beans and mint. Giorgio one of the guests added curcuma and rosemary to his gnocchi and it was great. It was a dish that is a good source of vegetable proteins much needed in our diet.

Just after, to balance the main course mentioned above we made a carrots, orange, walnuts and Pecorino cheese salads. As a desert we made a ricotta cake with chocolate chips that became the afternoon treat.  Again the menu wanted to show to the guests that the necessary nutrients of a meal could be spread trough all the courses, looking at them as a connected series of dishes that together brings what we need. Many times we see at dishes as a stand alone items in terms of nutrients. But in reality a menu can be structured in a way to have diversity in order to provide what is necessary.

During the last lunch instead we had few guests coming to close the weekend and I cooked dishes which shown that everything can be used in the kitchen and this should be the norm for everyone. Left overs from the previous days, skins, part of vegetables that usually we throw in a bin and old bread were all part of the Sunday’s menu that I was calling the “farmers lunch”. I also added to the food few glasses of wine made from Pecorino grapes (yes there is also a grape with the same name of the cheese) that I brought from the Marcoccio family a local producer. Here their story.

During lunch, food has been the trigger for a wide range of conversations starting from what they were eating and then going in any directions; conversations that can happen only around a table among people who are open, but more important able to listen without judgment. Over hearing the conversations and the laughs, I was amazed by the fact that food can be a strong social and cultural catalyzer. Especially when the time spent eating is not interrupted by technology or interference of any type. The feedback after any lunchtime was great and it really made my hard work in the kitchen less heavy and tiring.

After lunch we had dinners and I’ve thought about it as the transition time before bed. On the fist night Viola wanted to make a silent and blind dinner. An idea that I wasn’t so exited about it in the fist place, but that I later started to take as a fun, unusual test for my dishes and a “why not” experience for everyone involved.  I decided to serve very familiar dishes and see how much not having the chance to see at them would influence the eating experience.

The experiment was great. Starting with a five senses meditation lead by Viola the guests had fun and finally had the chance to focus on what they were eating. This was the actualfirst comments from everyone: “Usually we don’t pay much attention to what we eat”. Memory was also playing a big role when they wanted to associate what they were touching or smelling before eating it. Common product like little balls of mozzarella (the real one not the processed industrialized one) was mistaken for Japanese Mochi. Slices of beefsteak tomatoes resulted slimy at the touch, not pleasant until they touched the tongue and became familiar. A ricotta tart with mulberry became a wonderful soft, sweet explosion in the mouth. The unexpected homemade Limoncello at the end was strong, yet caring wake up from the experience.

The night after instead, dinner was thought to accompany the gusts during the sleeping transitions. During both nights I used neutral Prana ingredients like potatoes or tomatoes and ingredients that makes you sleep actually, like cheese for example. It all worked very well and we all had great resting nights.

After the three days of work I was pretty tired due to the cooking and cleaning shifts in the kitchen, but the enthusiasm was very high. I’ve been able to deliver a menu that pleased Nina, Valeria, Gioia, Viola and Giorgio the latest with much knowledge in terms of nutrition. I had so much fun looking at them eating and exploring the tastes of the dishes coming form the kitchen.

Viola and I left with the same promise of last year, that we will collaborate on a new event this time longer than a week end. My gratitude goes to her that made the event a reality; to Nina, Valeria, Gioia and Giogio that made me confident in carry on what I was doing, giving me positive feedback and smiles that can’t lie.

Grazie mille ragazzi alla prossima!  

#keepeating

Yoga e Nutrizione

I semi crescono dove trovano le giuste condizioni…

That guy from Naples

L’anno scorso dopo il primo lock down ho deciso di fare una visita all’ Italy Farm Stay e alla zona che lo circonda. Lì ho incontrato persone meravigliose che stanno costruendo lentamente ma costantemente una comunità che ha lo yoga e la vita sostenibile come valori fondamentali. Troverai di più su questa comunita in questo e in questo post.

Tra le persone che vivevano nell’area c’era Viola che troverai sotto il nome di Better Living with Viola. Viola passo’ un giorno alla fattoria e da allora abbiamo passato molte ore incontrando persone, chiacchierando e mangiando ciò che la zona aveva da offrire.

Ci siamo lasciati con la promessa di una collaborazione per un evento. Dopo un anno quel giorno e’ arrivato. Dal 4 al 6 Giugno Viola ed io abbiamo organizzato un ritiro dove l’insegnamento dello yoga e il cibo si sono incontrati. Il primo nelle mani di Viola e il secondo sotto la mia responsabilità.

La location che ha scelto è stata la casa di montagna di Gabriele, un guardiaparco che con tempo e sacrificio ha ristrutturato la casa dei suoi genitori. Avevamo visualizzato in nostro progetto sin dall’inizio nella casa di Gabriele e anche se abbiamo cercato altre location il destino ha voluto che dovessimo partire da dove ci siamo incontrati.

La location è stata una bellissima casa nei monti del Parco Nazionale d’Abbruzzo, Lazio e Molise. Una casa in legno avente il primo piano con camere e un piano superiore con uno studio di yoga. Il mio regno e’ stato il piano terra dove si c’e’ la cucina, la sala da pranzo e la zona pranzo all’aperto. Ho letteralmente passato tutto il tempo del ritiro in cucina in modo da fornire cibo cucinato al momento per gli ospiti che avevamo. Lavoro duro ma felicemente eseguito.

Wooden house
wooden house

Fin dalle prime chiacchie abbiamo deciso che il menù doveva essere lacto-ovo vegetariano. Inoltre per me era naturale che tutti gli ingredienti dovevano essere super biologici e provenienti da fonti etiche. Pensando a cosa cucinare per i 3 giorni ho iniziato a strutturare il menù in base alle attività che gli ospiti avrebbero avuto durante le giornate del ritiro. Mentre Viola riempiva il programma di attività olistiche di diversa natura, io volevo che il tempo passato a tavola diventasse un momento di socializzazione, alimentazione vista come supporto delle attivita’ e infine scoperta.

Per riuscirci, al risveglio ho preparato delle tisane calde che potessero aumentare la temperatura interna del corpo. Per aiutare i muscoli, le articolazioni e gli organi interni ad essere pronti per la pratica Yoga mattutina. Tè a base di ingredienti noti per il loro beneficio in questo senso.

yoga practice

Dopo la pratica che avrei volute fare, ma la realtà e’ stata che non avevo nemmeno il tempo di sedermi e guardare il cielo o scattare qualche foto decente per questo post. Tuttavia, la colazione è stata progettata per far crescere il loro Prana durante qui giorni. In tavola c’era sempre frutta fresca di stagione, noci e tè che aiutassero proprio questo aspetto. Inoltre probiotici per aiutare lo stomaco e gli altri organi a lavorare meglio e pochi carboidrati, solitamente sotto forma di pane fatto in casa con farine di antichi grani italiani. Il tutto servito all’aperto all’ombra di un albero che non poteva che giovare su tutti i livelli.

outdoor breakfast

Il pranzo invece è stato un connubio di sapori familiari ma accostati in modo poco familiare. Per portare gli ospiti nel “mix and match” di sapori, ho iniziato servendo verdure e sapori intatti, in modo da capire come funziona la nostra lingua e il rapporto che gusto e sapore ha con i ricordi. Da lì ho iniziato a presentare come i sapori possono essere bilanciati per evidenziarli o nascoderli all’interno di un piatto. La reazione a semplici esperimenti sull’interazione del senso del gusto e dell’olfatto è stata un po’ una sorpresa per tutti i presenti. Da quel momento in poi hanno potuto gustare I piatti semplici che ho preparato da una prospettiva diversa. Il primo pranzo è stato una vera esplorazione di gusti che di solito diamo per scontati.

Cherry risotto, risotto alle ciliege

Il 2° pranzo è stato invece un corso di cucina dove abbiamo cucinato piatti noti, ma sostituando alcuni ingresienti in modo da eliminare il glutine. Questo perché noi italiani tendiamo a consumarne troppo. Il menu della lezione era: Gnocchi di farina di ceci fatti in casa con crema di fave e menta. Giorgio uno degli ospiti ha aggiunto ai suoi gnocchi anche curcuma e rosmarino ed è stato ottimo, un piatto che è una buona fonte di proteine ​​vegetali tanto necessarie nella nostra dieta.

cooking class

Subito dopo per bilanciare gli gnocchi avevano un insalata di carote, arance, noci e pecorino. Come dessert abbiamo preparato una torta di ricotta con gocce di cioccolato che è stata consumata nel pomeriggio. Anche in questo caso il menu ha voluto mostrare agli ospiti che i nutrienti necessari di un pasto possono essere ottenuti pensando a piu’ portate, guardandole come una serie collegata di piatti che insieme ci danno ciò di cui abbiamo bisogno. Molte volte vediamo i piatti come qualcosa a sé stante in termini di sostanze nutritive. Ma in realtà un menu può essere strutturato in modo da avere diversità che ci aiuta ad avere i nutrienti di cui necessitiamo.

Durante l’ultimo pranzo invece abbiamo avuto ospiti per chiudere il weekend e ho cucinato piatti che volevano dimostrare che in cucina non si butta niente e questa dovrebbe essere la norma per tutti. Avanzi dei giorni precedenti, le bucce, parte delle verdure che di solito buttiamo nella pattumiera, il pane vecchio faceva tutto parte del menù della domenica che io chiamavo il “pranzo contadino”. Al cibo ho abbinato un vino di uva Pecorino che ho comprato dalla Famiglia Marcoccio un produttore locale. Qui la loro storia.

People in circle doing yoga activities

Durante il pranzo, il cibo è stato il pretesto per una vasta gamma di conversazioni che partivano da cio’ che si mangiava per poi andare in qualsiasi direzione; conversazioni che possono solo avvenire intorno a un tavolo tra persone aperte e capaci di ascoltare senza giudicare. Ascoltando le conversazioni e le risate, sono rimasto stupito dal fatto che il cibo possa ancora essere un forte catalizzatore sociale e culturale. Soprattutto quando il tempo passato a mangiare non è interrotto dalla tecnologia o da interferenze di alcun tipo. Il feedback dopo ogni pranzo è stato ottimo e ha davvero reso il mio duro lavoro in cucina meno pesante e faticoso.

Dopo i pranzi c’erano le cene. Le ho pensate come un momento di transizione prima di andare a letto. La prima sera Viola ha voluto fare una cena silenziosa dove gli ospiti dovevano essere bendati. Un’idea che all’inizio non mi entusiasmava, ma che poi ho iniziato a prendere come una divertente, insolita prova per i miei piatti e un momento di apprendimento per me e per gli ospiti. Ho deciso di servire piatti molto familiari e vedere quanto non avere la possibilità di vederli avrebbe influenzato l’esperienza a tavola.

L’esperimento è stato fantastico. Iniziando con una meditazione dei cinque sensi guidata da Viola, gli ospiti si sono divertiti e finalmente hanno avuto la possibilita’ di concentrarsi su ciò che stavano mangiando. Questo e’ stato davvero il primo commento di tutti: “Di solito non prestiamo molta attenzione a ciò che mangiamo”. Anche la memoria ha giocato un ruolo importante quando si cercava di associare ciò che stavano toccando o annusando prima di mangiarlo. Quindi un prodotto comune come le ciliegine di mozzarella (quella vera e non quella trasformata industrializzata) è stato scambiato per un Mochi Giapponese. Fette di Pomodori Sorrento risultavano piuttosto viscide al tatto, quindi non piacevoli fino a quando non si toccavano la lingua e diventavano familiari e gradevoli. Una crostata di ricotta con i gelsi è diventata una morbida esplosione dolce in bocca. L’inaspettato limoncello fatto in casa alla fine è stato un forte, ma gustoso risveglio dall’esperienza;

La sera dopo, invece, ho pensato ad una cena che accompagnasse la transizione del sonno. In realta’ durante entrambe le cene ho usato ingredienti con Prana neutri come patate o pomodori ma che inducono al sonno come per I formaggi per esempio. Mi sembra che ha funzionato e tutti abbiamo avuto piacevoli notti di riposo.

zucchini tartare
vegetable ready to be roasted

Dopo i tre giorni di lavoro non stop, ero piuttosto stanco per i turni di cucina e di pulizia, ma l’entusiasmo era altissimo. Sono stato in grado di progettare e realizzare un menu che ha soddisfatto Nina, Valeria, Gioia, Viola e Giorgio l’ultimo con molte conoscenze in termini di nutrizione. Mi sono divertito tantissimo a guardarli mangiare ed esplorare i gusti dei piatti che arrivano dalla cucina.

Viola ed io siamo ci siamo lasciati con la stessa promessa dell’anno scorso, che collaboreremo ad un nuovo evento questa volta più lungo di un week end. La mia gratitudine va a Viola che ha reso l’evento una realtà; a Nina, Valeria, Gioia e Giogio che mi hanno dato fiducia nel portare avanti quello che stavo facendo in cucina, regalandomi riscontri positivi e sorrisi che non mentono.

Grazie mille ragazzi alla prossima!

#keepeating

Guests of the retreat and I

0 Replies to “A Yoga and nutrition retreat”